Agopuntura e procreazione assistita

Agopuntura e procreazione assistita

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’infertilità colpisce circa il 15-20% delle coppie che cercano di avere un figlio. Si parla di infertilità quando, dopo almeno 12 mesi di rapporti sessuali non protetti e mirati, non si ottiene una gravidanza. Può essere causata da fattori femminili, maschili o da entrambi. In alcuni casi non è possibile individuarne una causa.

E’ importante prendersi cura della propria salute riproduttiva e sessuale fin dalla giovane età, poiché alcune patologie e uno stile di vita scorretto possono irrimediabilmente compromettere la fertilità futura.

Il fumo, l’obesità o l’eccessiva magrezza, l’abuso di alcool o droghe, diverse sostanze ambientali come gli interferenti endocrini, la sedentarietà e perfino l’eccessiva attività fisica sono alcuni tra i principali fattori di rischio modificabili, capaci di influenzare la salute sessuale e riproduttiva di un individuo.

Nel corso degli ultimi anni si è registrato un incremento delle patologie acute e croniche della sfera riproduttiva. Tra queste, le infezioni sessualmente trasmesse, comuni per donne e uomini, sono tra le maggiori cause di infertilità maschile e femminile.

Nel 40% dei casi una coppia ricorre a procedure di fecondazione in vitro a seguito di un fattore di infertilità femminile.


Nel tempo vi è stato un’aumento progressivo delle donne con più di 40 anni che accedono a queste tecniche

Per Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) si intende l’insieme di tutti quei trattamenti per la fertilità nei quali i gameti, sia femminili (ovociti) che maschili (spermatozoi), vengono trattati al fine di determinare il processo riproduttivo.
Per quello che riguarda le percentuali di successo purtroppo ancora sono molto basse, infatti nel decennio 2005-2015 sono state del 10,5 -18,2%, a seconda della tecnica impiegata.

L’agopuntura può contribuire ad aumentare la percentuale di successo delle tecniche di procreazione medicalmente assistita.
In una revisione sistematica e metanalisi del 2012  che in totale raccoglieva i dati di 5.807 partecipanti, l’agopuntura migliorava il tasso di gravidanza clinica e il tasso di nati vivi.

Uno dei meccanismi attraverso cui l’agopuntura agisce è sicuramente quello legato alla sua azione positiva su ansia e stress.

Infatti in corso di stress la secrezione di glucocorticoidi aumenta notevolmente; ciò influenza in maniera negativa il sistema riproduttivo, bloccando la secrezione ipotalamica dell’ormone di rilascio delle gonadotropine GnRH.

Per le problematiche di infertilità maschile invece l’agopuntura si è visto che può migliorare in maniera significativa la motilità e la concentrazione degli spermatozoi nel liquido seminale aumentando la percentuale di successo in corso di procreazione assistita.

In conclusione anche se occorreranno in futuro molti più studi per confermare l’efficacia dell’agopuntura nel sostegno alla fertilità e alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, l’agopuntura dovrebbe essere utilizzata durante tutto il ciclo.
Quando possibile, sarebbe bene non limitarsi a trattare solo durante il pre e post transfer, ma diverse settimane prima, almeno tre mesi prima, quando è possibile, o almeno durante la stimolazione ovarica.

Richiedi maggiori informazioni

Bibliografia:

  • Wolfgang E. Paulus 2002-Influence of acupuncture on the pregnancy rate in patients who undergo assisted reproduction therapy
  • Cui Hong Zheng 2012-Effects of acupuncture on pregnancy rates in women undergoing in vitro fertilization: a systematic review and meta-analys is
  • Villahermosa DI 2013-lnfluence of acupuncture on the outcomes of in vitro fertilisation when embryo implantation has failed: a prospecbve randomased controlled chmcaltrial.
  • C. Sutton 2015-A Comparison of Stress Levels in Women Undergoing Single Versus Multiple Acupuncture Session Prior to Embryo Transfer
  • Ui Min Jerng 2014-The effectiveness and safety of acupuncture for poor semen quality in infertile males: a systematic review and meta-analysis
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter

Iscriviti per ricevere i nostri ultimi contenuti via email.

Non ti invieremo spam. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Powered by ConvertKit

Categorie