Cervicalgia. L’agopuntura ti può aiutare

Agopuntura e cervicalgia

Con cervicalgia si intende un dolore localizzato alla parte posteriore del collo (cervicale), che può irradiarsi all’occipite, alle spalle e agli arti superiori. Al dolore, più o meno intenso, possono associarsi altri disturbi, come rigidità, cefalea, vertigini, nausea, e formicolio alle mani.

cervicale-anatomiaFrequentemente il disturbo può cronicizzare, riacutizzandosi di tanto in tanto.

Nella maggior parte dei casi la cervicalgia è data da un’alterazione delle strutture situate nella regione delle prime vertebre della colonna quali muscoli, legamenti, dischi intervertebrali e articolazioni.

Per quel che riguarda i sintomi quali vertigini, nausea, ronzio alle orecchie, sappiamo che questi dipendono dalle radici nervose che transitano nella zona cervicale.

Cause comuni di una cervicalgia cronica sono: l’artrosi cervicale, l’ernia del disco, posture scorrette durante il lavoro o il sonno.

Anche lo stress emotivo che persiste per un certo periodo è in grado di provocare contratture muscolari dolorose.

I trattamenti generalmente impiegati nella cervicalgia cronica sono di tipo farmacologico (FANS o farmaci antinfiammatori non steroidei) o fisico (massaggi, manipolazioni, ginnastiche mediche). Purtroppo i FANS sono farmaci che possono comportare effetti secondari negativi a carico dell’apparato digerente ( gastrite, ulcera) dei reni (insufficienza renale acuta e cronica) e del fegato.

L’agopuntura può essere efficacemente impiegata nel trattamento della cervicalgia, da sola o in associazione con i farmaci e le terapie fisiche. In questo modo è possibile ridurre la frequenza, la durata e l’intensità degli attacchi e prevenire le recidive.

La principale differenza dell’agopuntura rispetto alle comuni terapie è il trattamento basato sulla causa della cervicalgia e sulla persona, piuttosto che sul sintomo.

cervicalgia_agopunturaTramite l’infissione indolore di sottilissimi aghi in acciaio, sterili e monouso, l’agopuntura agisce stimolando meccanismi nervosi e bioumorali, come ad esempio con la produzione di endorfine, grazie ai quali si ottengono vari effetti benefici come:

– effetto antidolorifico;

– effetto miorilassante;

– effetto antinfiammatorio;

– effetto ansiolitico

Generalmente con le prime sedute già si percepiscono i primi risultati, che verranno consolidati dal proseguimento della terapia. I benefici sono di solito duraturi, ma in caso di cervicalgia cronica si consiglia di ripetere almeno un ciclo all’anno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter

Iscriviti per ricevere i nostri ultimi contenuti via email.

Non ti invieremo spam. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Powered by ConvertKit

Categorie